ZTL. Una scelta da sostenere.

Data 11/7/2017 15:00:00 | Argomento: Rinascita Civile

A seguito del vivace dibattito sulla ZTL  , che  in questi giorni torna protagonista dell’interesse mediatico, il Direttivo di Rinascita Civile vuole esprimere pubblicamente alcune riflessioni.


La realizzazione dell’isola pedonale è stata, a nostro avviso, un cambio di passo importantissimo  per la città, perché ha finalmente creato uno spazio libero di condivisione per i suoi abitanti.  Un centro pedonale non solo è in linea con quanto realizzato nelle più belle città di Italia, ma è un requisito fondamentale affinchè i cittadini possano identificarsi in quello spazio, vivere l’appartenenza ai luoghi, sentirli come possibilità e occasione per essere comunità. L’immagine del traffico intasato del centro cittadino, del parcheggio barbaro, delle macchine in doppia fila per fare  acquisti “al volo”  è ormai anacronistica e racconta un’idea di città costruita  in funzione del consumo,  della comodità del singolo, di un’individualità selvaggia che tutti noi, oggi, abbiamo l’obbligo di rifiutare.

Individuare nella ZTL la causa della chiusura di molte attività commerciali,  inoltre, ci sembra una visione miope che finge di non vedere la portata globale della crisi economica a cui si può rispondere solo valorizzando la vocazione turistica della città ed il suo patrimonio paesaggistico e architettonico.  Certo si può aggiustare il tiro, potenziando la ciclabilità dalle periferie al centro, il trasporto pubblico, le aree per il parcheggio, ma è necessaria soprattutto una programmazione condivisa tra commercianti, ristoratori, associazioni, amministrazione   al fine di trovare soluzioni comuni e di alto volo.   Come cittadini dobbiamo trovare il coraggio di condividere questo volo. All’amministrazione dobbiamo chiedere l’opportunità di costruirlo insieme.

 

      Sara Lazzaro - Presidente di Rinascita Civile

 





Questo articolo viene daRinascita Civile
http://www.rinascitacivile.it

L'URL per questa storia รจ:
http://www.rinascitacivile.it/modules/news/article.php?storyid=222