« 1 2 (3) 4 5 »
  Inviato da freddy il 20/4/2015 21:00:00 (895 letture)

Ogni mattina migliaia di ragazzi escono di casa per andare a scuola, molti da Latina, altri dai paesi vicini e tutti pensano che nulla possa loro accadere durante questo tragitto: un fiume di ragazzi vocianti, allegri a volte anche distratti che a tutto pensano meno che di essere in pericolo.

Oggi 18/04/2015 tre ragazze sono state investite davanti al Liceo Manzoni di Latina, erano le 8 e 20 e trafelate attraversano sulle strisce pedonali quando un piccolo fuoristrada le sbalza a terra, stavolta non era una delle macchine sfreccianti che, preoccupandosi solo del semaforo verde accellerano noncuranti, ma era il nonno di uno studente dello stesso Liceo ripartito preoccupato delle auto che arrivavano e non guardando avanti a se, potevano essere le figlie o le nipoti di ognuno di noi.

Da tempo la situazione è conosciuta ed è stata segnalata, già a novembre 2014 una ragazza era stata investita sulle strisce, sono anni che gli stessi studenti e gli insegnanti chiedono più sicurezza, con l'istallazioni di dossi per far rallentare le auto, oppure attraversamenti rialzati o anche semafori a chiamata, da non trascurare nemmeno la possibilità di spostare l'accesso della scuola. Sta all’Amministrazione Comunale trovare  la soluzione più idonea, con senso di responsabilità, senza indugiare oltre.

Recentemente il sindaco Di Giorgi ha espresso opinioni e fatto passerella sull'omicidio stradale limitandosi ad un comunicato di solidarietà con le studentesse.

Da novembre il Comune cosa ha fatto, perché non si ascoltano i genitori, gli studenti e tutto il personale della scuola?

Ora si assiste allo squallido rimbalzo di responsabilità, intanto la situazione di pericolosità perdura.

Siamo e ci sentiamo in pericolo, siamo indignati come associazione e come genitori e chiediamo  con forza e fermezza la messa in sicurezza di quel tratto di strada la vita dei ragazzi non può essere una questione di budget.

 

Latina 19 aprile 2015

Il Direttivo di Rinascita Civile

Inviato da freddy il 8/3/2015 13:40:00 (4434 letture)

Su invito dell’assessore Di Rubbo, una delegazione di Rinascita Civile/ gruppo Servizi Sociali (Ida, Lolita, Guido, Pietro, Marino) ha effettuato una  ‘escursione’ sulla famosa  “passeggiata” che va da Foce Verde a Capo Portiere.

Il coinvolgimento di RC da parte dell’amministrazione  è il risultato di una serie  di interventi e sollecitazioni che il gruppo Servizi Sociali sta promuovendo da tempo  verso le istituzioni per la questione delle barriere architettoniche e dopo lunghi periodi di silenzio si stanno avendo  i primi riscontri.

Il sopralluogo ha avuto  lo scopo di verificare lo stato dei lavori in relazione agli accessi e ai percorsi senza la presenza di  barriere architettoniche e più in generale la  fruibilità della “passeggiata” da parte di tutte le persone  senza alcun distinguo.

Dopo un breve  consulto i nostri intrepidi, forse incoraggiati dal caldo tepore pomeridiano, hanno deciso che  il modo migliore di apprezzare il lungomare  era quello di fare la passeggiata

Il riscontro nel tratto Foce Verde – Via Casilina è stato tutto sommato positivo a meno dei dislivelli e degli accessi ancora problematici  dovuti ai ‘lavori in corso’: in particolare sussistono ancora  dislivelli tra il piano stradale e le corsie pedonali, gli scivoli non sono ancora  tutti a norma, ma non abbiamo difficoltà a credere che tutto sarà ‘a regola d’arte ’ una volta terminati i lavori. Ci è stato assicurato inoltre  che saranno previste   aree di parcheggi  ‘temporanei’ e/o ‘permanenti ‘ specificamente per  disabili.

E’ stato anche accolto il nostro suggerimento di prevedere  dei sedili in pietra lungo la passeggiata che per inciso è di circa 5 km e non tutti hanno il fisico di un maratoneta.

Le cattive sorprese sono venute nella tratta Via Casilina - Capo Portiere dove abbiamo riscontrato l’interruzione del marciapiede per circa 600/700 metri senza altra possibilità, come verificato  dalle nostre amiche

che fiondarsi in mezzo alla strada e mettersi  in competizione con le auto che passano .

Le motivazioni di questa interruzione del marciapiede, a detta dell’assessore, sono  da ricondurre al divieto opposto dal Corpo Forestale di Latina che ritiene prioritario difendere e proteggere la duna e quindi ha negato la relativa autorizzazione .

Premesso che RC ha nel suo DNA la difesa dell’ambiente e della natura, riesce particolarmente difficile capire come si possa ritenere protetta una striscia di  duna che è attualmente occupata da secchioni dei rifiuti, plinti di cemento di  un metro di diametro per i lampioni stradali, cancelli di accesso alle case e per finire auto parcheggiate

Il risultato di questa mancata autorizzazione è un lungomare di 5 km interrotto per 600 metri e soprattutto la costrizione per chi si muove con carrozzine, passeggini  o mezzi simili  a impiantarsi nelle strisce di sabbie per poi giocare a ‘risiko’  sulla strada asfaltata facendo lo slalom tra le auto che corrono

Riteniamo che  buon senso e rispetto della natura, con un pizzico di buona volontà, possano convivere!

Il gruppo Servizi Sociali ha apprezzato questo coinvolgimento perché ritiene che se da una parte è doveroso denunciare i disservizi e le inefficienze delle istituzioni dall’altra, fermo restando ruoli e responsabilità, è buona cosa la cooperazione quando è  fatta  per il bene comune.

Inviato da freddy il 22/2/2015 22:10:00 (1021 letture)

Premessa

Con il decreto legislativo n. 150 del 2009 è iniziato per gli enti locali un percorso finalizzato all’attuazione di un sistema di miglioramento della qualità dei servizi attraverso la misurazione del lavoro, la predisposizione di piani con obiettivi prestabiliti, la valutazione dei risultati conseguiti e la trasparenza delle azioni poste in essere per la gestione della cosa pubblica....

Leggi l'intero documento: CONSUNTIVO2013+foto.doc

Inviato da freddy il 1/2/2015 16:03:16 (15933 letture)

Il comunicato dell’amministrazione comunale che relaziona sull’incontro avuto in Regione lunedì 26 gennaio è sconcertante.

L’assunto su cui si basa è brutalmente semplice: i cittadini di Latina non sono particolarmente svegli, hanno la memoria cortissima e si bevono l’ultima trovata senza alcun problema.

Rinascita Civile insiste nel voler fare chiarezza, nel rispetto della realtà dei fatti e dell’intelligenza dei cittadini.

Il contratto con la Concessionaria Metrolatina S.p.A. è stato firmato in data 24 settembre 2007, senza che l’amministrazione comunale sentisse il bisogno di ottenere prima l’impegno della Regione Lazio alla corresponsione dell’esoso contributo chilometrico previsto dal Piano Economico e Finanziario (PEF) su cui si basa la realizzazione e gestione dell’opera.

La realizzazione del progetto di fatto non è mai partita, per motivi che nessuno ha mai chiarito, ma certamente non per la mancanza del contributo regionale, dato che tale contributo andrà erogato solo nella fase di gestione, ad opere ultimate e collaudate.

Tralasciando il mistero dell’ordine di fabbricazione dei veicoli in assenza di un verbale di inizio lavori, nonché del pagamento del primo Stato Avanzamento Lavori (SAL) e del successivo blocco del pagamento del secondo SAL da parte del Ministero dei Trasporti, arriviamo alle elezioni amministrative del 2011.

Nel corso della campagna elettorale tutti i candidati a sindaco (incluso quello che verrà eletto) prendono le distanze del progetto. A luglio 2011 Rinascita Civile chiede l’istituzione di una commissione mista (esperti nominati dai gruppi consiliari e dalle associazioni) che studi la via d’uscita meno onerosa dalla c.d. “convenzione capestro”. La commissione viene istituita nel settembre 2011 con esperti di nomina dei soli gruppi consiliari, si riunisce una volta e poi se ne perdono le tracce.

Arriviamo alla c.d. conferenza dei servizi del 10 dicembre 2013, convocata per chiarire l’impegno della Regione sul progetto. Dopo uno stucchevole rimpallo di responsabilità sull’invio/ricezione di documenti tra Comune e Regione, il 10 dicembre 2014, al convegno organizzato dal Rinascita Civile per conoscere le conclusioni raggiunte non si presentano né Comune, né Regione, né Ministero, tutti regolarmente invitati.

Ed eccoci ad oggi, 13 mesi abbondanti dopo la c.d. conferenza dei servizi: viene “concordata l’esigenza di istituire un tavolo tecnico - condizione necessaria per decidere se è realizzabile l’opera – che avrà l’obiettivo di verificare la sostenibilità e la fattibilità dell’opera.”

Un ottimo risultato, dopo oltre un anno di approfondito studio!

Per dimostrare, però, che non si è trattato di tempo perso, i nostri hanno concordato di limitare il lavoro del tavolo tecnico allo studio di una soluzione che preveda la realizzazione della sola Linea 1, dalle autolinee alla stazione ferroviaria.

Suggeriamo al tavolo tecnico, tra le altre incombenze tecnico-economiche, di verificare se non si tratti di una modifica sostanziale ai documenti contrattuali e al PEF, ovvero se la modifica proposta non necessiti dell’apertura di una nuova istruttoria, sia rispetto al finanziamento approvato dal CIPE, sia rispetto all’opera messa a gara.

Ma forse questo “dettaglio” non interessa, se l’intenzione dell’ennesimo rilancio fosse solo quella di perdere altro tempo. In attesa di prescrizioni? Per passare la patata bollente alla prossima amministrazione che uscirà dalle elezioni del 2016 (se ci si arriva)?

Certo, l’esperienza non fa presagire nulla di buono.

Inviato da freddy il 7/1/2015 18:10:00 (2469 letture)

In allegato gli estratti di alcuni articoli sulla questione dell'intervento della Procura di Latina sulla vicenda della Metro.

La speranza è che le azioni intraprese dal Comitato Metro Bugia (già dal 2006) e più recentemente da RinascitaCivile possano tradursi in azioni concrete che portino finalmente a chiarire le vere responsabilità di questo potenziale (quasi certo ormai) disastro economico del Comune di Latina.

Qui di seguito i link per leggere gli articoli pubblicati sui principali quotidiani locali cartacei e on line:

Articolo Il Messaggero su Metro 07 01 15 (2).pdf

Il Messaggero.it

Il Quotidiano di Latina

Latina24ore

Il Corriere di Latina

Il Caffè.it

Inviato da freddy il 22/12/2014 11:00:00 (2105 letture)

Attraverso l'inchiesta sulle Opere Bluff abbiamo preso coscienza di quanto denaro pubblico sia stato sprecato da parte delle Amministrazioni che si sono succedute nel corso degli ultimi 30 anni.

Ci sembra a questo punto utile proseguire  il nostro monitoraggio sulla Trasparenza, grazie al lavoro di analisi effettuato dal dr. Antonio Costanzo, nostro socio.

Focalizziamo quindi la nostra attenzione sull'andamento finanziario ed economico del bilancio comunale per fare una verifica di congruità tra le varie disfunzioni segnalate e le politiche di bilancio realizzate.

Pertanto, in attesa di conoscere i risultati del rendiconto riferito all’anno 2014 ci sembra necessario, quale strumento di coscienza e di stimolo al confronto, analizzare il rendiconto anno 2013 effettuando un confronto tra le previsioni d’inizio anno e quanto realizzato al 31/12/2013.

A questo compito cerca di assolvere l’analisi effettuata, che è rivolta ai politici del nostro territorio, alle associazioni di categoria, ai sindacati, alle associazioni di volontariato e, attraverso i mezzi d’informazione locali (quotidiani, TV, siti internet) a tutti i cittadini della nostra comunità.

Inviato da freddy il 10/12/2014 0:30:00 (1458 letture)

Si è concluso il 27 novembre scorso il corso di "Nozioni igienico-sanitarie" riservato a badanti organizzato da Rinascita Civile e dalla Fondazione Vacilotto.

Il corso ha visto la partecipazione di  25 utenti che , attraverso lezioni teorico-pratiche, hanno ricevuto informazioni e sono state addestrate nella gestione delle comuni problematiche quotidiane relative ( il cambio di un pannolone, la mobilizzazione del paziente allettato, la corretta somministrazione dei farmaci, quando chiamare il medico, come fronteggiare un'emergenza) all'assistenza delle persone anziane.

Tutti i discenti hanno ricevuto regolare certificazione della partecipazione al corso e sono rimaste soddisfatte di questa prima esperienza che ha dato loro una diversa dignità rispetto ad unruolo che sta avendo sempre più importanza nella nostra realtà quotidiana..

Sul sito di Rinascita Civile nella pagina dello "Sportello della solidarietà " sono presenti utilli informazioni riguardo la domanda e l'offerta rispetto all'assistenza delle persone anziane.

E' stato l'anno zero di un progetto e di un'esperienza che merita di essere ripetuta.

Inviato da freddy il 8/12/2014 20:30:00 (7879 letture)

Si è svolto nella sede di RinascitaCivile, alla presenza di numerosi soci e non, l'incontro del geologo Giancarlo Bovina che ha illustrato le caratteristiche del nostro territorio dal punto di vista idrogeologico.

Davvero interessanti alcune affermazioni quando ha fatto notare l'importanza del rischio di alluvioni, dato dalla somma del pericolo oggettivo di una condizione territoriale (e Latina per la sua natura territoriale ne ha molti) + l'errato insediamento umano (come ad esempio la costruzioni di abitazioni ai margini dei fiumi) e quindi dell'importanza di un piano armonico di sviluppo che tenga conto in futuro di questi elementi.

Visto l'interesse suscitati dall'argomento, RinascitaCivile, intende portare avanti altri incontri come questo per aumentare il livello di conoscenza e la consapevolezza dei cittadini, necessari per non assistere a in futuro a scene come quelle proiettate nel documento filmato realizzato dallo stesso geologo a seguito delle ultime piogge torrenziali che hanno messo in serio pericolo la vita delle persone, degli animali e dei territori agricoli pontini, in altri termini, un grave disastro ambientale.

RinascitaCivile

  Inviato da freddy il 6/12/2014 11:10:00 (16200 letture)

Con le opere Bluff dopo la fase di denuncia si passa, come nostra abitudine, ad una fase di proposta.

Cercheremo di analizzare ulteriormente alcuni aspetti di grandi opere incompiute che hanno comportato , che comportano e , in taluni casi, comporteranno uno spreco enorme di denaro pubblico, con lo scopo di trovare possibili soluzioni e vie d'uscita.

Si inizia con l'incontro " Metro-leggera" L'ora delle risposte" -

Mercoledì 10 dicembre alle ore 18.30 al Circolo Cittadino

è invitata tutta la cittadinanza.

Il Direttivo di Rinascita Civile

 

Inviato da freddy il 1/12/2014 23:50:00 (4486 letture)

Non tanto per essere riusciti a portare  500 persone ed aver riempito l'Aula Magna del Grassi ( nei prossimi giorni troverete su sito di RinascitaCivile la documentazione dell'evento) .

Già questo sarebbe  un bel risultato.

Ma soprattutto per averle rese partecipi e consapevoli  di una parte dei misfatti ...perchè non sono mica tutti, abbiamo dovuto selezionare ... che sono stati compiuti sotto i nostri occhi in 30 anni di malamministrazione.

Terme, Metro, Cimitero,Intermodale sono le punte dell'iceberg di uno spreco di denaro pubblico e di colossali bluff sui quali sono stati costruiti consensi, grazie anche alla inconsapevolezza ed alla rassegnazione, dei cittadini, e sono state impostate campagne elettorali che hanno determinato le scelte e gli indirizzi politici nell'ambito della nostra comunità.

Missione compiuta perchè , a fine serata, si percepiva nei volti della gente il senso di indignazione e lo sgomento nell'essere stati vittime spesso inconsapevoli di simili "mostruosità".

Milioni di euro sprecati spesso nel pagamenti di penali, da parte delle amministrazioni, per contratti sbilanciati a favore della controparte.

Non possiamo non vedere che è qui che mette le radici , in maniera torbida, il malaffare di stampo camorristico o mafioso.

Missione compiuta anche per la capacità organizzativa che ha reso possibile il successo dell'evento ed il mio grazie va a tutto il solito inesauribile staff di Rinascita, a tutti i  bravissimi "lettori" e ai coordinatori Silvia Pasquali Coluzzi, Freddy Cedrone, Marino Sabatino e Antonio Sorabella.

Ci fa piacere poi che la stampa, che ringraziamo, abbia dato il giusto risalto alla nostra iniziativa cogliendone lo spirito e le finalità ( qui di seguito e sulla pagina Facebook la rassegna stampa )

Ora ci aspetta una seconda fase.

Oltre a  divulgare ulteriormente, attraverso il vostro aiuto, il nostro dossier "imbarazzante" ( per chi ha ancora il senso della vergogna!) dovremmo passare da una fase di denuncia ad una fase propositiva cercando di individuare e proporre eventuali strategie e soluzioni a quelle situazioni attualmente in fase di ristagno e che continuano a succhiarci soldi.

Prima fra tutte la questione della Metro.

(Ci vediamo Mercoledì 10 dicembre alle ore 18.30 al Circolo Cittadino per fare l'ennesimo punto sulla Metro insieme a Giulio Capirci . E' stato invitato anche il sindaco Di Giorgi ...)

D'altra parte chi dovrebbe rappresentarci , nell'ambito del suo immobilismo amministrativo, invece di pensare al rischio di dissesto finanziario è invece attivamente impegnato a revocare dimissioni "irrevocabili", a ricomporre una giunta per accontentare i portatori di voti, a ritrattare interrogazioni parlamentari (che figura!) piene di cialtronerie nei riguardi del  nostro questore  e a ricoprirci di colate di cemento.

Così come ci sono state strane alleanze tra una parte dell'opposizione e rappresentanti della politica maestri del "clientelismo".

Strane e, credo indelicate, per usare un eufemismo, per la base.

L'abbiamo già detto e non bisogna essere grandi esperti della politica per capire che se ti porti Dracula in un'emoteca non puoi meravigliarti se poi sparisce il sangue ed il tuo"alleato" diventa vicesindaco.

Per questo dobbiamo continuare il nostro dibattito interno, iniziato durante il periodi delle dimissioni "irrevocabili" del Sindaco Di Giorgi, sul futuro di Rinascita Civile.

E' un dibattito che deve continuare , rafforzato dalla presenza di nuovi sostenitori che in questi giorni si stanno avvicinando alla nostra associazione cui diamo il nostro benvenuto.

Sono emerse varie linee di pensiero sul ruolo e  sulle prossime future strategie di RC che meritano di essere discusse e confrontate, con un ampio respiro, con la gente perbene, con chi ha a cuore il presente ed il futuro di questa città, con chi pensa che il bene comune è un valore che appartiene a tutti.

Perchè serve confronto, impegno, passione, consapevolezza ed indignazione per contrastare il pensiero mediocre di chi ci rappresenta in maniera mediocre.

Damiano

 

PS: Come vi ha già ricordato Marino Sabatino, il prossimo appuntamento è per

Mercoledì 3 dicembre ore 18.30 in sede in via Aspromonte 52

"Considerazioni sul rischio idraulico nella città di Latina"

Relatore : dr. Giancarlo Bovina, geologo

Nel frattempo si è concluso, con grande successo , il Corso Badanti organizzato insieme alla Fondazione Vacilotto. Sono state addestrate 25 persone che hanno ricevuto un attestato di partecipazione.

A dimostrazione che esistono buone idee, l'importante è saperle far camminare.

Powered by XOOPS © 2001-2013 The XOOPS Project